Estate 2018: i costi dei servizi balneari aumentano solo dell’1%

Oltre un italiano su tre continua a preferire le spiagge attrezzate

Da una ricerca dell’Osservatorio nazionale Federconsumatori (ONF), emerge che oltre 1 italiano su tre preferisce le spiagge attrezzate. Solo 1 su 6, invece, dichiara di usufruire del “classico” stabilimento balneare. Dal consueto monitoraggio sui prezzi dei servizi balneari emerge un aumento piuttosto contenuto dei costi, del +1% rispetto allo scorso anno.

Cresce in particolar modo il costo del lettino, della cabina e dell’abbonamento stagionale.

Aumenta inoltre il costo dell’accesso agli stabilimenti, che offrono sempre più servizi volti all’intrattenimento. Non mancano le novità e un pizzico di stravaganza: wifi, docce calde, bar, nursery, ma anche “servizio frigo”, libri in prestito, acquagym, vasche idromassaggio, giochi da tavolo. Per chi ha il pallino della tintarella alcuni stabilimenti mettono a disposizione il consulente per l’abbronzatura, pronto a consigliarvi la protezione solare più adatta al vostro tipo di pelle.

Anche per gli amici a quattro zampe alcune spiagge organizzano aree e servizi dedicati: dal dog sitter alle aree con fontana, stuoia rinfrescante, ciotola e sacchetti a disposizione, a fronte di un piccolo extra sul costo.

Ad arricchire l’offerta e le opportunità di risparmio non mancano, anche quest’anno, le promozioni ideate dai gestori degli stabilimenti per incentivare le presenze: light lunch, pranzo competo o aperitivo abbinato all’abbonamento giornaliero, happy hour (con ingresso scontato dopo le 16), ombrellone condiviso tra più famiglie, cabina “in condominio” (divisa tra più famiglie), promozioni all’insegna dell’ambiente con sconti per chi raggiunge la spiaggia in treno o in pullman o, ancora, tariffe scontate per chi prenota il proprio ombrellone su internet (con sconti del 16%).

Sul sito di Federconsumatori, le tabelle con i prezzi in dettaglio

 

ULTIME NEWS